Skip to Content

Blog

Il dimagrimento a Treviso e a Favaro parte dall’anamnesi di Esteticamente

Il dimagrimento
a Treviso e a Favaro parte dall’anamnesi di Esteticamente
[ PARTE 1 ]

Dimagrire è una sfida insormontabile per la maggior parte delle persone, ma non se si affronta il processo di dimagrimento affiancati da un team come quello di Esteticamente. Nei nostri centri infatti le proposte di dimagrimento partono sempre dall’anamnesi dell’inestetismo, una fase fondamentale per la determinazione di un percorso di dimagrimento personalizzato e per il raggiungimento di obiettivi concreti nella perdita di peso.

L’anamnesi, il primo passo del percorso Activity Body, non si limita a un questionario freddo e invasivo, ma alla conoscenza della storia del cliente, con un colloquio generale in cui si parla liberamente di alimentazione, stili di vita, tipologia di lavoro e stress accumulati. In questa delicata fase presso i centri Esteticamente si utilizzano strumenti diagnostici avanzati, come la bioimpedenza ad ultrasuoni, una tecnica utilizzata per la misurazione della composizione corporea che consente di distinguere massa magra e massa grassa, fornisce valori relativi ai liquidi extra e intra-cellulari con un’anamnesi puntuale dello stadio della cellulite e del grado di ritenzione idrica. Altra strumentazione usata nell’anamnesi è la termografia effettuata con sonda ad infrarossi che fornisce, attraverso le sonde, un’analisi oggettiva e scientifica della pelle, e un’analisi visiva ed elaborazioni digitali attraverso una microcamera.

Il risultato di questa fase di anamnesi generale è l’elaborazione di un percorso personalizzato che esula dalla semplice scelta di uno di una tecnologia piuttosto che di un’altra, ma si avvale di metodiche innovative.

Nella anamnesi entrano in gioco tutte le conoscenze e le esperienze del team Esteticamente che aiutano a delineare il percorso di dimagrimento personalizzato; a supportare il cliente nel percorso di dimagrimento troviamo personale specializzato in scienze e tecnica dell’attività motoria, che elabora un percorso mirato e individuale, programmando allenamenti personalizzati con attrezzature ad infrarossi. A supporto, qualora venga ritenuto necessario, si possono abbinare trattamenti con attrezzature specifiche e/o trattamenti estetici. Nel team dei centri estetici, per coadiuvare al meglio il percorso di dimagrimento personalizzato, sono presenti inoltre una dietologa, un medico sportivo e una naturopata, per venire incontro a tutte le necessità dei nostri clienti e rispondere in maniera ottimale a tutte le richieste.

Il percorso Activity Body è disponibile sia per uomo sia per donna, nei centri estetici Esteticamente specializzati nel dimagrimento a Treviso e a Favaro Veneto
PRENOTA SUBITO L’ANAMNESI GRATUITA!
0 0 Continue Reading →

La luce del sole continua a danneggiare dopo l’esposizione

La luce del sole continua a danneggiare la pelle dopo l’esposizione: lo stesso pigmento che assorbe i raggi del sole può continuare a danneggiare la nostra epidermide anche quando si torna a casa.

Uno studio condotto dai ricercatori del’Università di Yale e pubblicato di recente sulla rivista Science Daily, ha individuato come l’esposizione ai raggi UV del sole o dei lettini abbronzanti possa danneggiare il DNA nei melanociti, le cellule che compongono la melanina che dà alla pelle il suo colore. Una novità rispetto agli studi precedenti, perché finora si pensava che la melanina proteggesse la pelle bloccando i raggi UV dannosi.

Questo studio dimostra invece che la melanina ha sia un effetto di protezione che un effetto cancerogeno: quando la pelle è bombardata con le radiazioni ultraviolette dell’esposizione al sole, risponde rilasciando melanina, che assorbe i raggi UV per evitare danni al DNA.

Ma il processo non si arresta qui, i ricercatori di Yale hanno scoperto che la melanina, una volta che ha assorbito tutti i raggi UV, diventa super-carica, portando a una serie di reazioni chimiche nel corpo che possono anche danneggiare il DNA; la particolarità di questo processo è che può avvenire anche dopo l’esposizione diretta al sole.
I ricercatori pensano che questo studio dimostra la necessità di un nuovo tipo di crema solare, in grado di bloccare i raggi del sole durante l’esposizione al sole, e di assorbire le radiazioni da melanina anche dopo che l’esposizione è terminata. Nel frattempo, se per i prossimi ponti siete diretti al mare, ricordatevi di siate indossare indumenti protettivi, e di limitare l’esposizione al sole, per quanto possibile.

0 0 Continue Reading →

Zucchero antistress: ora anche la scienza lo afferma

Per chi ama i dolci la scusa dello zucchero antistress è perenne, ma finalmente alcuni ricercatori sembrano confermare con i dati questa affermazione: lo zucchero riduce infatti i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.

Nella ricerca, riportata dal giornale di Endocrinologia e Metabolismo americano, il Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, sono stati reclutati 19 volontari di sesso femminile e per 12 giorni, otto di loro hanno consumato bevande zuccherate con l’aspartame, un dolcificante artificiale, mentre il resto del gruppo ha bevuto una bevanda identica contenente il 25 per cento di saccarosio, ovvero lo zucchero da tavola.

Prima e dopo l’esperimento, i ricercatori hanno misurato i livelli di cortisolo nella saliva dei volontari ed eseguito una risonanza magnetica funzionale, oltre a sottoporre i volontari a test matematici progettati per essere un po’ più difficili delle loro capacità – una procedura nota per aumentare i livelli di cortisolo.

Lo studio ha riportato differenze nelle prove tra i due gruppi prima della dieta di 12 giorni, hanno riscontrato inoltre che i livelli di cortisolo erano più bassi nei consumatori di zucchero e più alti nel gruppo che consumava bevande con aspartame.

Ovviamente i ricercatori che hanno guidato l’esperimento ci tengono a precisare che questo non ci giustifica ad autorizzare lo zucchero come antistress e riduttore di tensione, ma “la scoperta è intrigante perché suggerisce che ci potrebbe essere una via metabolica sensibile allo zucchero al di fuori del cervello, che potrebbe essere percorsa per il trattamento di condizioni neuro-comportamentali e legate allo stress” dichiara Kevin D. Laugero, nutrizionista del Dipartimento federale dell’Agricoltura USA.

0 0 Continue Reading →

Ogni giorno veniamo a contatto con 168 sostanze chimiche

Secondo una nuova ricerca ogni donna negli Stati Uniti applica ogni giorno tra cosmetici, profumi, prodotti per la cura personale e prodotti per l’igiene femminile, 168 sostanze chimiche su viso e corpo.

Alcune di queste sostanze sono completamente innocue, ma alcune risultano essere cancerogene e neurotossine; l’American College of Obstetricians and Gynecologists ha scritto in un rapporto del 2013 che ci sono prove evidenti che possono collegare gli “agenti ambientali tossici” a ” problemi di natura riproduttiva e dello sviluppo”. Questa associazione, insieme a altre organizzazioni scientifiche importanti ha chiesto “un’azione tempestiva per identificare e ridurre l’esposizione agli agenti atmosferici tossici”.

A differenza di molti materiali di consumo, che rientrano nella competenza della US Food and Drug Administration, i prodotti per la cura personale negli Stati Uniti sono regolati dalla Food, Drug and Cosmetics Act, che non richiede una revisione governativa dei prodotti prima che siano immessi sul mercato, ma affida alle aziende il compito di garantire la sicurezza dei consumatori.
Se un cliente denuncia la sicurezza di un prodotto, la FDA può intervenire, ma fino a quel momento non può.
In Europa molte delle sostanze chimiche ancora permesse negli Stati Uniti sono limitate o vietate.

In particolare però è bene fare attenzione ad alcune categorie particolari di sostanze chimiche nocive contenute nei prodotti di utilizzo quotidiano:

– profumi artificiali di sintesi: possono contenere muschi sintetici (potenti interferenti endocrini) e si registrano tra le sostanze in assoluto maggiormente allergizzanti;
– brillantanti nocivi per i pesci e responsabili di allergie;
– distillati del petrolio collegabili ad alcune forme di cancro;
– fenoli tossici;
– etanolammine, sono sostanze stabilizzatori del pH, ammesse dall’Unione Europea solo a bassi dosaggi, perché molto tossiche per la pelle e per il sistema respiratorio. Quelle da tenere maggiormente sotto controllo sono la “mono-”, la “di-” e la “trietanolammine”.
– composti d’ammonio quaternario, antibatterici con effetti nocivi anche a basse dosi: sono associati all’insorgenza di asma e sono estremamente tossici se ingeriti.

0 0 Continue Reading →

YOUR SHOPPING BAG

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi